Skin ADV
Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter
Oristano NewsnotizieportotorresPoliticaAmbiente › Parco Asinara e Conservatoria: binomio per la crescita
M.P. 13 luglio 2019
Lo ha detto l´assessore regionale Gianni Lampis, durante l´incontro con il ministro dell´Ambiente, Sergio Costa, nella caserma "Falcone e Borsellino" del Corpo forestale, a Cala d´Oliva
Parco Asinara e Conservatoria: binomio per la crescita


PORTO TORRES - «Il Parco dell'Asinara è certamente uno strumento di tutela della meravigliosa isola, ma deve rappresentare anche un'occasione di sviluppo e di crescita per l'intera Sardegna. Un importante volano per l'economia turistica». Lo ha detto l'assessore regionale Gianni Lampis, durante l'incontro con il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, nella caserma "Falcone e Borsellino" del Corpo forestale, a Cala d'Oliva.

«La Regione, forte della collaborazione istituzionale garantita dal ministro Costa, deve fare la sua parte, innanzitutto facendo terminare la fase commissariale della Conservatoria delle coste, che dura da cinque interminabili anni - ha aggiunto l'assessore dell'Ambiente-. Insieme all'imminente nomina, di concerto con il Governo, del nuovo presidente del Parco». Secondo l'esponente della giunta di Solinas la ripresa dell'attività dell'Agenzia permetterà di realizzare i progetti che riguardano l'isola: la manutenzione del borgo Cala d'Oliva, il recupero dell'ex direzione carceraria da trasformare in struttura ricettiva, il restauro delle torri costiere, le bonifiche dall'amianto, la riqualificazione della rete idrica e della rete viaria ed infine il progetto del centro velico.

«Affronteremo anche il problema del sovraffollamento della fauna selvatica, migliorandone la gestione grazie alla presenza degli uomini e delle competenze del Corpo forestale e di Forestas», ha concluso l'assessore Lampis.
22/8/2019
Questa mattina, è stato trasferito l’ulivo secolare che da Via Garibaldi ha trovato sede di fronte allo Scalo Tarantiello, nella parte iniziale di Via Sassari. La pianta è stata messa a dimora in una porzione dell’aiuola appositamente predisposta
© 2000-2019 Mediatica sas