Skin ADV
Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter
Oristano NewsnotiziealgheroCronacaSanità › Il Civile di Alghero diventa Covid. Ecco il documento: polemiche
Cor 24 ottobre 2020
Il Civile di Alghero diventa Covid
Ecco il documento: polemiche
Da ieri l'avvio delle operazioni nel reparto di Terapia Intensiva di Alghero ancora mai inaugurato. Disattese tutte le indicazioni e rassicurazioni. Preoccupazione tra il personale medico. Ecco il documento interno che attesterebbe l'apertura del nuovo reparto Covid in emergenza


ALGHERO - Confermate tutte le anticipazioni del Quotidiano di Alghero e disattese tutte le rassicurazioni. Mai, infatti, i massimi vertici dell'assessorato regionale alla sanità ed il presidente del consiglio, l'algherese Michele Pais, avevano parlato di reparto Covid: esattamente il contrario. Già da marzo, quando si susseguivano gli annunci dell'imminente apertura della terapia intensiva, tutti escludevano la possibilità di ricovero di pazienti Covid+. Per una questione soprattutto logistica e strutturale, oltreché di formazione del personale. Eppure dalla giornata di ieri (venerdì), in sordina e senza ancora comunicazione ufficiale, la terapia intensiva dell'ospedale civile di Alghero si appresta ad aprire le porte «in regime di assoluta emergenza sanitaria».

Un silenzio abbastanza anomalo e grave, figlio probabilmente della confusione generale che sembra regnare in Sardegna nella gestione dell'emergenza sanitaria. Nonostante la mancata comunicazione da parte di Ats, Regione e Comune, ecco il documento interno che certifica comunque, l'intenzione di avviare l’attività del reparto di terapia intensiva di Alghero, giustificato dall'Assl di Sassari «con le sistematiche richieste da parte degli altri ospedali regionali ed in particolare della Azienda Ospedaliera Universitaria di Sassari, di accettazione di pazienti positivi al virus Covid 19». Una scelta che certamente non fa dormire sonni tranquilli agli operatori medici ed ha già creato proteste e malumori. Di seguito la nota inoltrata dalla direzione dell'Ats Sardegna all'assessorato regionale in materia di Sanità Pubblica.

«Al fine di adottare ulteriori misure urgenti di gestione del sistema
sanitario ospedaliero in ambito ASSL di Sassari per fronteggiare
l'emergenza epidemiologica da COVID-19 in corso risulta urgente
supportare i reparti di terapia intensiva regionale già inseriti nella
rete di quelli identificati quali adibiti alla accettazione di pazienti
Covid 19 Positivi. A seguito delle sistematiche richieste da parte degli altri ospedali regionali ed in particolare della Azienda Ospedaliera Universitaria di Sassari, di accettazione di pazienti positivi al virus Covid 19 in regime di terapia intensiva, sono stati effettuati ulteriori
sopralluoghi ed analisi organizzative urgenti presso il reparto in
oggetto, rispetto a quelle già effettuate dal nucleo di verifica
regionale per la autorizzazione all'esercizio e l'accreditamento della
terapia intensiva in regime ordinario. E' risultato possibile, in stato di assoluta emergenza sanitaria, accettare tali pazienti nell'Ospedale Civile garantendo la continuità delle attività di pronto soccorso ospedaliero e della erogazione del complesso dei servizi ospedalieri essenziali in corso presso l'ospedale di Alghero. Con il supporto delle strutture amministrative centrali della ATS Sardegna è di dotazione immediata il fabbisogno necessario e aggiuntivo del personale infermieristico dedicato. Per quanto riguarda il fabbisogno di personale medico specializzato in anestesia e rianimazione, è attivata una sistematica integrazione del personale tra quello già presente in ambito del presidio unico di area omogenea e quello della Azienda Ospedaliera di Sassari (oltre che di eventuali altri stabilimenti regionali) quale Hub ospedaliero principale mittente di tali persone assistite. Con riferimento ai percorsi "sporco-pulito" e quello di sanificazione in
sicurezza dei professionisti medici e delle altre professioni sanitarie
in entrata e uscita dal reparto sono possibili, in via straordinaria ed
eccezionale , l'adozione di essenziali misure di sicurezza in emergenza
per evitare la diffusione delle infezioni; anche attraverso
l'addestramento ed il training da parte di medici e professionisti
qualificati coinvolti. I pazienti in entrata e uscita dal reparto devono essere gestiti con sistemi di trasporto in bio-contenimento presenti nelle ASL, Aziende Ospedaliere e nella AREUS. Successivamente alla accettazione dei primi pazienti e nella eventualità della occupazione a pieno regime dei 6 Posti Letto disponibili, sono già in corso lavori, non invasivi alla attività di reparto e all'esterno della struttura ospedaliera nella parte adiacente alla uscita secondaria dal reparto stesso, per attivare una entrata/uscita dedicata ai pazienti e separata dalle altre ordinarie vie di accesso (ingresso principale e ingresso da Pronto Soccorso). La presente nota è di accompagnamento alla richiesta del Commissario Straordinario di cui si allega bozza per firma e trasmissione urgente al competente assessorato regionale in materia di Sanità Pubblica, dal quale si attende riscontro immediato.
»

ultima modifica ore 10
Commenti
18:46
Le persone in isolamento domiciliare sono 12.106. 515 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi, 76 il numero dei pazienti in terapia intensiva
21:17
«Con questa iniziativa, intendiamo fornire un servizio ai nostri concittadini e contemporaneamente avere un quadro più chiaro della situazione epidemiologica a Ploaghe», dichiara il sindaco Carlo Sotgiu
12:06
L’Università degli studi di Sassari e l’Associazione Parkinson di Sassari hanno siglato un patto d’intesa, per collaborare a progetti orientati al coinvolgimento attivo dei pazienti nella ricerca e nella didattica
10:14
La Direzione dell´Assl Sassari ha annunciato l´acquisto di nuove apparecchiature elettromedicali per il Reparto di Servizio di Endoscopia dell´Ospedale Civile, che andrebbe a riaprire dopo quasi due mesi. «Liste d´attesa estinte entro dicembre», è stato annunciato
24/11/2020
«Quando in Sardegna?», chiede Aldo Salaris, capogruppo in consiglio regionale e coordinatore regionale del partito dei Riformatori Sardi, sull’utilizzo, anche nell´Isola, del plasma iperimmune per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Il suo gruppo ha presentato un’interrogazione al governatore Christian Solinas e all’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu
8:46
Centinaia di pazienti, tra questi anche i malati oncologici, senza risposta. La denuncia arriva da molti cittadini e dalle forze politiche cittadine: «interruzione di servizio pubblico»
24/11/2020
Ordinanza del sindaco Gian Vittorio Campus: nel capoluogo turritano arriva il divieto di fumo in spazi dove ci sono altre persone. Prevista sanzione accessoria della chiusura anche per gli esercizi commerciali che non rispettano le norme
24/11/2020
«Da mesi, chiediamo di salvare il laboratorio analisi utile per tutto il Marghine», dichiara Franco Stara, consigliere regionale di Italia viva aderente al gruppo dei Progressisti
24/11/2020
«Al San Francesco dodici nuovi medici: cinque al Pronto soccorso e sette nei Reparti Covid. Le Istituzioni lavorino insieme per vincere la guerra contro la pandemia», affermato Pierluigi Saiu, consigliere regionale della Lega e consigliere comunale di Nuoro, che ieri mattina è stato nel nosocomio per verificarne personalmente la situazione
23/11/2020
A dichiararlo è Giovanni Baldassarre Spano, in qualità di rappresentante dell´Associazione “Uniti contro la chiusura dell´Ospedale Marino”, che nei giorni scorsi ha partecipato alla seduta on-line della Commissione Sanità del Comune di Alghero presieduta da Christian Mulas
23/11/2020
«L´attuale scenario ci ha costretto a trasferire il Reparto di Oncologia, una scelta che solo un mese fa ritenevamo potesse essere evitata. Non abbiamo, però, rinunciato a garantire ai pazienti le cure di cui hanno bisogno, mantenendo il servizio nelle stesse condizioni», spiega l´assessore regionale della Sanità Mario Nieddu
23/11/2020
«L’attività del Servizio territoriale di igiene pubblica sarà inoltre rafforzato con la destinazione di tre nuovi medici per i prossimi sei mesi, indispensabili per far fronte all’aggravamento di attività causata dall’emergenza Covid», dichiara il presidente del Consiglio regionale Michele Pais
23/11/2020
Nessuna risposta all´interrogazione protocollata dai consiglieri comunali dei gruppi Futuro Comune, Per Alghero, Partito Democratico, Sinistra in Comune ormai lo scorso 22 ottobre. Ancora gravi problemi di comunicazione in città
23/11/2020
«Dal polso che ho su ciò che accade sul territorio il numero dei positivi è ben più elevato rispetto ai dati che recentemente ci sono stati forniti dall’Amministrazione», dichiara il medico della Guardia medica Paola Correddu, che nei giorni scorsi ha partecipato come rappresentante dell´Associazione “Accabaura” alla Commissione Sanità del Comune di Alghero presieduta da Christian Mulas


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)