Skin ADV
Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter
Oristano NewsnotiziealgheroEconomiaPesca › Pesca e acquacoltura per un´economia circolare
Red 27 gennaio 2021
Pesca e acquacoltura per un´economia circolare
Proseguono le attività dei partner sardi, Fondazione Imc e Medsea, all´interno del Progetto Interreg Med BlueFasma. Al via in Sardegna i Blue living lab per avvicinare le aziende di pesca e acquacoltura ai principi e all´adozione di buone pratiche dell´economia circolare


ALGHERO - Proseguono le attività dei partner sardi, Fondazione Imc e Medsea, all'interno del Progetto Interreg Med BlueFasma. Al via in Sardegna i Blue living lab per avvicinare le aziende di pesca e acquacoltura ai principi e all'adozione di buone pratiche dell'economia circolare. Il progetto è cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale attraverso il Programma Interreg Med 2014-2020 nell'ambito del terzo bando per proposte di progetti modulari, nell'ambito dell'Asse prioritario 1.1 “Incrementare l'attività transnazionale di cluster innovativi e reti di settori chiave dell'area Med”. BlueFasma integra e implementa i principi dell’Economia circolare nel settore chiave della crescita blu della pesca e dell'acquacoltura in un modo nuovo e innovativo. Il suo obiettivo generale è quello di potenziare la capacità di innovazione delle Pmi, dei cluster/reti marittime e delle autorità pubbliche per promuovere la crescita dell'economia blu nelle aree insulari, insulari e costiere del Mediterraneo.

Nelle aree insulari e costiere del Mediterraneo, la pesca e l’acquacoltura rappresentano due settori chiave di quella che è chiamata “crescita Blu”. Inoltre, influenzano fortemente il valore aggiunto lordo delle aree stesse e danno lavoro a una grande percentuale della popolazione che ci vive. La transizione verso un’economia di tipo circolare potrà prevenire il problema dell’esaurimento delle risorse, chiudendo i flussi di energia e materiali e portando a una crescita sostenibile per entrambi i settori. I quattordici partner del progetto si stanno confrontando con “la sfida” transnazionale del continuo deperimento delle risorse naturali da un lato, e con due settori che tutt’oggi non presentano un adeguato carattere di innovazione e circolarità della filiera produttiva. «Il progetto BlueFasma costituisce una buona prassi non solo dai punti di vista sociale e ambientale, ma anche per le opportunità economiche che da esso possono scaturire - ha dichiarato Paolo Mossone, project manager e direttore della Fondazione International marine centre, ente di ricerca del Parco Scientifico e tecnologico della Sardegna e partner del progetto - Il recepimento nelle filiere ittiche dei principi dell’economia circolare costituisce uno degli elementi cardine delle strategie europee ed internazionali per un modello di sviluppo basato su produzioni sostenibili, capaci di generare un impatto positivo e di lungo termine sulla salute dei nostri mari e delle nostre coste».

Uno degli strumenti utilizzati, all’interno del progetto, per integrare e implementare i principi dell’Economia circolare “Blu” nei settori della pesca e dell’acquacoltura nel Mediterraneo sono i “Blue living lab”, laboratori di co-creazione e innovazione. Ogni Regione coinvolta nel progetto organizzerà un Blue living lab tematico: la Sardegna ospiterà il Bll “Opportunità per le innovazioni ecocompatibili e circolari nella pesca e nell’acquacoltura”. I Blue living lab saranno l’occasione per condividere le buone pratiche esistenti e ragionare delle possibili soluzioni di implementazione dell’economia circolare con cinque imprese di pesca e acquacoltura che operano in Sardegna: Cooperativa Lo Squalo, Cooperativa Pescatori Sant’Andrea-S’Ena Arrubia, Laguna di Nora, Cooperativa Ostricola Mediterranea e Niedditas. A partire da febbraio, si susseguiranno diversi incontri tematici on-line dove diversi attori si confronteranno sulle tematiche dell’economia circolare e sulla sua possibile implementazione in Sardegna. «I Blue living lab consistono in sei fasi: partono dalla condivisione di conoscenze su cos’è l’economia circolare, come la si può mettere in pratica e quali sono le opportunità per le aziende che operano in questi settori, fino ad arrivare a supportare la possibile adozione in azienda di pratiche dell’economia circolare – spiega Vania Statzu, economista dell’ambiente e vicepresidente della Fondazione MedSea che supporta Imc in questa fase del progetto – I settori della pesca e dell’acquacoltura hanno caratteristiche ben definite: uno degli obiettivi dei Bll è anche quello di identificare le differenti caratteristiche dei due ambiti e capire come queste agevolano od ostacolano lo sviluppo di filiere circolari».
Commenti
4/3/2021
Durante le verifiche effettuate nelle acque antistanti le località La Caletta e Torre Vecchia, nella zona "C" dell’Amp Penisola del Sinis–Isola di Mal di ventre, i sommozzatori della Guardia costiera hanno rinvenuto le nasse posizionate sul fondale e prive dei necessari segnali identificativi


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)