Skin ADV
Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter
Oristano NewsnotiziesassariSpettacoloMusica › Taglio ai fondi: l´urlo del Canepa
Red 20 febbraio 2021
Taglio ai fondi: l´urlo del Canepa
«La Regione taglia il contributo all´alta formazione: penalizzati gli studenti», dichiarano dal Conservatorio di Sassari che, nonostante la pandemia, resta tra le più attive della Penisola. Appena conclusa una masterclass di pianoforte di Roberto Prosseda, concertista di fama internazionale


SASSARI - I tagli inferti dalla Regione autonoma della Sardegna al contributo annuale per le istituzioni di alta formazione mettono a rischio il completamento delle attività didattiche, di produzione artistica e di ricerca del Conservatorio “Canepa” di Sassari. A essere penalizzati sono gli studenti che rischiano ora di dover rinunciare a progetti formativi e di produzione artistica già programmati nei mesi scorsi dalla Direzioni e dai docenti e in attesa dei fondi regionali. Di fatto, la legge finanziaria che nel maggio 2020 aveva sensibilmente falcidiato i fondi, sempre garantiti negli anni accademici precedenti, era arrivata come una doccia fredda aggiungendosi alle problematiche derivate dalla fase di emergenza sanitaria globale. «Dal 4 marzo 2020 - spiega il presidente del Canepa Ivano Iai - il Conservatorio ha dovuto misurarsi nel contesto di una crisi epocale che ha messo a dura prova non solo il Governo nazionale, ma tutte le istituzioni. Abbiamo adottato provvedimenti e istituito gruppi di lavoro riuscendo a garantire fino al mese di giugno 2020, la funzionalità istituzionale e amministrativa e la didattica a distanza. Al fine di offrire un segnale di umana e solidale vicinanza agli allievi e alle loro famiglie, il Conservatorio ha sensibilmente ridotto, e in alcuni casi perfino soppresso, i contributi dovuti per le iscrizioni e la frequenza dei corsi. Superato la fase di lockdown, la specificità dell'insegnamento delle discipline musicali ha poi consentito, nel rispetto delle norme sanitarie vigenti, la piena ripresa delle prestazioni in sede».

Dopo gli investimenti compiuti per la formazione e la messa a norma della sede di Piazza Cappuccini si confidava in un auspicabile supporto della Regione che ad oggi non è tuttavia arrivato. «Nei mesi scorsi – prosegue Iai - alcuni esponenti di rilievo della politica regionale avevano assicurato che la riduzione del contributo annuale sarebbe stata compensata tra settembre e novembre con un assestamento di bilancio. Siamo ora a febbraio e questa promessa è stata totalmente disattesa nonostante, nel frattempo, sia stato confermato un aumento del numero degli iscritti ai corsi accademici del Canepa». Quanto denunciato potrebbe ora gravare sul sostegno alle attività didattiche e di produzione artistica del Conservatorio sassarese, sui progetti della direzione e dei docenti, ma anche sulle necessità di adeguamento continuo delle attività istituzionali alle innovazioni e alle tecnologie più recenti. «L'alta formazione è ancora una volta mortificata dalla Regione che, attraverso le sue azioni, mostra di non riconoscere questa attività istituzionale come punto di riferimento della cultura del territorio. Il mancato supporto economico della Regione mina il prestigio e la credibilità del Conservatorio Canepa - conclude il presidente - che rappresenta le aspettative di centinaia di famiglie che investono e credono nella cultura quale proiezione del futuro dei propri figli in una società migliore, sana, civile e capace di soddisfare le condizioni per consentire a ciascuno di sviluppare una personalità individuale destinata, un giorno, a contribuire solidalmente al progresso e al miglioramento del Paese».

Tuttavia, il Canepa non si ferma e confida di poter completare i tanti progetti messi in campo nella visione internazionale delle attività formative e della produzione artistica, cui oggi si aggiunge la ricerca, a seguito della sottoscrizione di un'intesa con la Fondazione Accademia dell’Arcidiocesi, non ancora portata a concreta attuazione proprio a causa dello stato di emergenza sanitaria nazionale. Nel frattempo, proseguono le attività di formazione con diversi workshop, seminari e laboratori, tra cui quello appena concluso in “Sala Sassu” condotto dal pianista di fama internazionale Roberto Prosseda. L'evento è stato organizzato dal Dipartimento di Strumenti a tastiera per gli allievi delle classi di pianoforte. «Una Masterclass di quattro giorni in presenza tenuta da un docente e concertista con l'esperienza e il talento di Prosseda – spiega il direttore del Conservatorio Mariano Meloni – rappresenta un prezioso arricchimento dell'esperienza didattica dei nostri studenti. Per i prossimi mesi, abbiamo programmato tanti altri progetti come questo irrinunciabili in un percorso di alta formazione».
Commenti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)