Skin ADV
Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter
Oristano NewsnotiziealgheroAmbienteParchi › Vivi il Calich: tutti in bici in laguna
Red 21 ottobre 2020
Vivi il Calich: tutti in bici in laguna
Oltre settanta i partecipanti alla pedalata ecologica amatoriale di sabato. L’iniziativa, che rientrava tra le azioni finali del “Progetto Retralags”, di cui è capofila il Comune di Alghero in sinergia con il Parco naturale regionale di Porto Conte, ha consentito di far scoprire e apprezzare l’area umida del Calich


ALGHERO - Oltre settanta partecipanti per “#viviilcalich, cattura la sua energia. Tutti in bici a scoprire la laguna”. Ha riscosso gradimento la ciclopedalata ecologica amatoriale svoltasi sabato e che si è snodata in un percorso prevalentemente su pista ciclabile dal porto di Alghero fino a Viale Burruni, dove è proseguita sul sentiero “dell’acqua”, un nuovo percorso naturalistico realizzato nell’ambito dell’azione pilota del “Progetto Retralags”. L’iniziativa si inseriva appunto nell’ambito delle azioni finali del progetto finanziato con fondi Interreg del Po Marittimo Italia- Francia al Comune di Alghero che ne è capofila, in stretta sinergia con il Parco naturale regionale di Porto Conte. Il limite massimo di partecipanti era fissato a cento, ma le richieste iniziali hanno superato abbondantemente quel numero. Qualche rinuncia dell’ultim’ora dovuta al maltempo registrato durante la settimana ha scoraggiato qualcuno, ma i più temerari hanno avuto ragione e infatti, la giornata di sabato si è aperta con un tiepido sole.

Tutto si è svolto in ordine e in coerenza con le disposizioni in materia di prevenzione e contrasto al Covid-19. Il serpentone di biciclette ha seguito la pista ciclabile della Passeggiata Barcellona, quella di Via Lido, rispettando il distanziamento minimo e le regole fissate dall’organizzazione. Cospicua anche la partecipazione degli atleti dell’Algherobike, che, tra l’altro, hanno fornito supporto e assistenza all’evento. Una volta giunti nell’area birdwatching del Calich, i partecipanti hanno avuto modo di visitare i nuovi percorsi recentemente realizzati e rifocillarsi con una merenda biologica a “chilometro zero” curata da un’azienda agrituristica certificata con il marchio del Parco. A salutare e ringraziare i partecipanti c’era il presidente del Parco di Porto Conte Raimondo Tilloca che, tra l’altro, ha guidato il corteo delle due ruote che ha visto la partecipazione di numerose famiglie e ragazzi. «Desideriamo che la laguna del Calich diventi sempre più frequentata dai residenti e dai nostri visitatori - ha riferito Tilloca - non solo per il valore naturale che ricopre, ma soprattutto per le emozioni che trasmettono gli scorci di un paesaggio lagunare. Mi piace poi sottolineare che neanche un decennio fa questi sentieri erano in totale degrado, mentre oggi si trovano in perfetto ordine, attrezzati per essere percorsi a piedi, in bicicletta per fare osservazione naturalistica e anche attività sportiva. Tutto a pochi passi dalla città».

Il presidente ha poi annunciato la volontà di intitolare alcuni di questi luoghi alla memoria di persone che si sono particolarmente distinte nella tutela e valorizzazione ambientale e che oggi non ci sono più. «Presenteremo una motivata istanza all’Amministrazione comunale in tal senso - ha riferito il numero uno di Casa Gioiosa - affinchè rimanga traccia nella toponomastica cittadina di coloro che hanno dato molto per città di Alghero e per la tutela del nostro meraviglio patrimonio naturale di cui dobbiamo essere fieri». Per il Comune, era presente la dottoressa Faedda, che ha curato la regia del Progetto Retralags: «L'Azione pilota che ha dato vita ai percorsi oggi realizzati si inserisce nell'ambito del Progetto Po Marittimo Italia-Francia 2014-2020 Interreg Retralags che ha visto la creazione di una Rete di partenariato transfrontaliero tra l'Italia (Sardegna e Toscana) e la Francia (Corsica e Dipartimento del Var) e rappresenta un'importante opportunità di rigenerazione, conservazione e valorizzazione del territorio con l'intento di rafforzare il ruolo del Calich in stretta connessione con la città di Alghero. Il Calich è parte fondamentale del Contratto di Laguna, strumento per la gestione integrata e sostenibile del ricco patrimonio ambientale e culturale, e iniziative volte al coinvolgimento dei cittadini, alla corretta fruizione e vivibilità del sito non fanno che rafforzare l'obiettivo principale di progetto, dell'Amministrazione comunale e del Parco di Porto Conte».

Nella foto: un momento della manifestazione
Commenti



Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)